Il nostro presente

Il Rotary Club Genova Ovest, che in questo 2018 copie 60 anni di attività, è protagonista di una “storia lunga” di presenza del Rotary a Genova. Il Rotary siede da tempo al tavolo delle grandi decisioni. Si è guadagnato un ruolo sul terreno del merito e della qualità dell’impegno, a Genova, così come nel mondo. Sui grandi temi della nostra città, infatti, così spesso coincidenti con i grandi temi del Paese, i Rotariani del RC Genova Ovest sono attivi, con lo studio e con la proposta e, non appena sia possibile, con l’azione pensata, che si propone di portare cambiamenti efficaci e stabili.

Nel nostro RC Genova Ovest, dal 1958 a oggi, i Soci si sono distinti per qualità etiche e professionali; per serietà e rigore nell’impegno. I progetti a cui tutti i Rotariani aspirano e che anche i Rotariani del RC Genova Ovest hanno in questi sei decenni realizzato, sarebbero gracili, se non fosse per il rigore e per la perseveranza su cui si sono sostenuti.

In sessant’anni si possono conoscere tante persone. Si possono fare tante cose.

Il Rotary che ci ha fatto incontrare ci ha insegnato a stimarci gli uni gli altri; ci ha dato le regole e la cornice entro cui stare insieme. Ci ha fatto condividere tempo e aspirazioni. Ci ha permesso di perseguire queste ultime, mettendoci a disposizione strumenti che, da soli, non avremmo avuto, né forse avremmo potuto controllare. Ci ha rafforzati nel rispetto di tutti noi, ciascuno con le proprie caratteristiche, la propria storia personale, il proprio credo, unendoci sotto valori che noi tutti condividiamo e che ci impegniamo a professare.

Per un sodalizio come il nostro, che ha nell’amicizia e nel servizio la propria principale chiave di lettura, le persone che si sono di volta in volta incontrate sono entrate a far parte di una sempre più vasta cerchia di amici. Le cose fatte, d’altra parte, sono diventate occasioni di cambiamento, di servizio, di spinta positiva.

Con l’esperienza abbiamo imparato a essere vicini alla comunità in cui operiamo e a guardarla negli occhi dei suoi bisogni. Sappiamo comprenderla dall’interno, perché noi all’interno “ci siamo” e, nella quotidianità tante volte intricata delle nostre vite professionali, noi della nostra comunità facciamo parte. Sappiamo quanto importanti siano i temi del lavoro, della cultura, dei diritti umani, ma conosciamo anche i disagi che ne accompagnano la mancanza e, quindi, per risolverli, ce ne facciamo carico.

Il metodo lo ha dato il nostro fondatore, Paul Harris, quando definì l’importanza di cooptare Soci secondo qualità e diversità: quella diversità – di idee, di competenze, di punti di vista – che è ricchezza di soluzioni e che “fa la differenza”, ogni volta che, dinanzi a un problema, grande o piccolo, i Rotariani si mettono al lavoro.

Per noi, Soci del RC Genova Ovest, che, con il nostro Club, compiamo quest’anno sessant’anni, quell’esperienza di rigore e di professione di valori è un lungo patrimonio che corrisponde a una ricchezza che tanto più si accresce quanto più la si spende e la si semina, giorno dopo giorno, nelle cose che perseguiamo per farle e in quelle che abbiamo in animo di fare. Nel Club così come nella nostra misura personale, famigliare, professionale.

E, poiché ogni arte, anche quella che si possiede di più, deve essere affinata e adattata al suo tempo, crediamo di poter dire di noi stessi che, nel corso degli anni, siamo diventati sempre un po’ migliori nel nostro desiderio e nella nostra capacità di lavorare insieme: fra noi, con gli altri Rotariani, con le istituzioni. C’è tanto da fare per migliorare la società prossima e lontana. Basta guardarsi attorno, con occhi liberi da pregiudizi. E quindi mettersi al lavoro, non appena si abbia una strategia, operando, ogni volta che sia possibile, secondo l’ammonimento e il motto del Presidente Internazionale Barry Rassin: essendo di ispirazione, cioè, per cambiare e far cambiare.

Per migliorare e per suscitare il miglioramento.